Monday, January 21, 2013

Multati dopo il concerto, i Carabinieri "Non avete il diritto di suonare"

Fonte: mattinopadova.it

Controllati prima dentro, poi fuori dal locale in cui si esibivano: con tanto di multa e sequestro del mezzo su cui viaggiavano. Brutto sabato notte per il gruppo musicale padovano My tie is evil nella trasferta veneziana al localeKilometro 01 ad Arino di Dolo. Tiziano Breda, Mattia Zoccarato, Alessandro Pavanello e Tommaso Rocchi, tutti padovani tra i 21 e i 23 anni, hanno terminato la nottata in caserma. E ieri è arrivato lo sfogo sulla pagina Facebook del gruppo.

«All’interno del locale ci hanno contestato il fatto che non avevamo i diritti per far musica e hanno chiesto i documenti a tutti noi» raccontano i membri della band. «Si sono accorti che nel parcheggio c’era un Fiorino che noi avevamo usato per trasportare gli strumenti, hanno aspettato che partissimo e ci hanno fermato. Ci hanno portato in caserma e ritirato il furgoncino perché risulta immatricolato ad uso commerciale-aziendale: ovviamente è arrivata anche la multa da 85 euro. Siamo sconvolti dal fatto che in Italia far musica è sempre più difficile e oltre a tutta la fatica che si fa per portare in giro la propria musica si viene inseguiti per queste inezie quando per strada c'è gente ubriaca che si ammazza guidando».

Il Fiorino ritirato dalla circolazione appartiene al padre di uno dei quattro ragazzi: l’imprenditore l’aveva prestato per consentire loro di muoversi con maggiore comodità. «Due di noi viaggiavano in auto, gli altri due a bordo del camioncino» racconta Tiziano Breda, «ci hanno sottoposto all’alcoltest ed è risultato per tutti negativo. Poi ci hanno obbligati a seguirli in caserma. Siamo usciti dopo le tre di notte. Francamente non riusciamo a comprendere tutto questo accanimento».

Il gruppo musicale padovano My tie is evil esiste da circa un anno ed è specializzato nel genere alternative rock. «Non facciamo cover, le canzoni sono tutte nostre. In più siamo tutti studenti universitari. Eravamo contenti della possibilità che ci è stata concessa dal locale Kilometro 01 e la serata è andata benissimo. Nel finale però la situazione è precipitata, sembrava una congiura».